Il Giallista

Interviste, recensioni e news dal mondo del giallo... e non solo. A cura di Marco Tiano




giovedì 23 giugno 2016

Recensione: LA RAGAZZA NEL PARCO di Alafair Burke - Piemme


Fino a che punto si può essere certi di conoscere una persona? Si potrebbe mettere la famosa mano sul fuoco per l'innocenza o la colpevolezza di qualcuno?
LA RAGAZZA NEL PARCO di Alafair Burke, edito da Piemme, è uno di quei gialli che ti spingono a farti queste domande. Un thriller che mette in dubbio le certezze che riponiamo negli altri, prima fra tutte la fiducia. Si può essere certi dell'innocenza di qualcuno, solo perché lo conosciamo bene? Il fatto di aver vissuto nella stessa casa, di aver condiviso lo stesso letto, può darci delle certezze? A quanto pare, no.
In LA RAGAZZA NEL PARCO, infatti, la protagonista, l'esuberante avvocato newyorkese Olivia Randall, si troverà nella posizione di mettere in discussione le sue certezze, di chiedersi se abbia mai conosciuto la vera natura del suo ex, lo scrittore Jack Harris, accusato di un triplice omicidio.
A primo impatto, Olivia è certa della sua innocenza. Lo conosce bene. Hanno avuto una lunga relazione, e lui è stato sempre il "buono" della coppia. Come potrebbe aver ucciso tre persone?
Certo, sono anni che non lo sente, ma le persone non cambiamo. O forse sì?
Implorata dalla figlia di Jack, Olivia decide, dopo anni di silenzio, di accettare la difesa dell'uomo. Da avvocato difensore, il suo compito è quello di instillare il "ragionevole dubbio", in modo da sfuggire alla condanna. Ma Olivia vuole saperne di più. Non le basta difendere il suo cliente/ex fidanzato. No, lei deve sapere la verità. A questo punto, decide di indagare e, man mano che gli indizi vengono a galla, sembra proprio di Jack non sia l'umo docile e remissivo che lei pensava un tempo.
Jack è accusato dell'omicidio di tre persone in un campo da football perché, oltre a trovarsi sul luogo del delitto nell'ora dell'accaduto, lui aveva un forte movente per uccidere una delle vittime. Jack, inoltre, non ha testimoni, a parte una: la ragazza nel parco. Una ragazza che conosce per caso in un parco e che gli da un appuntamento proprio il giorno della sparatoria, senza però presentarsi.
Questa donna esiste davvero? Chi è? Sembra essere sparita nel nulla, come se non fosse mai esistita. Bisogna trovarla, perché è l'unica che potrebbe confermare l'alibi di Jack e la sua stramba storia.
Che l'uomo sia vittima di una manipolazione? Oppure è Olivia, ad essere manipolata da lui?
Dalle sue indagini, infatti, Olivia si renderà conto che Jack le ha omesso molti segreti. Che la loro relazione non era come lei pensava. Che Jack aveva un'indole nascosta, diversa da quella che lei ha sempre visto. Ma questo fa di lui un assassino? Il fatto Jack non è esattamente chi lei credeva, lo rende colpevole? Può ancora battersi per la sua innocenza? Può ancora fidarsi delle sue parole?
Scritto con uno stile narrativo semplice e fresco, questo giallo ha delle piacevoli note classiche. Un sapore che ricorda i grandi romanzi d'evasione della golden age. Indizi, false piste, alibi deboli o inesistenti. La ragazza nel parco è una di quelle letture che allietano tutti i palati, anche i più esigenti. Un ottimo thriller che non mancherà di sorprendere il lettore nel colpo di scena finale, con una soluzione inaspettata.
Punteggiato da un piacevole humor, la Burke ci regala un romanzo appassionante e coinvolgente sin dalla prime pagine. Una lettura perfetta da portare in vacanza. E vi raccomando, questo thriller vi inchioderà, quindi leggetelo sotto l'ombrellone, potreste rischiare di scottarvi.
Consigliato!

LA RAGAZZA NEL PARCO
Alafair Burke
Editore: Piemme
Pag.: 324
Prezzo: €18,50 - E-book €6,99
Uscita: 14 Giugno 2016

CLICCA QUI, E LEGGI IL PRIMO CAPITOLO

L'AUTORE:
È un avvocato penalista, con una grande esperienza di processi. I suoi romanzi sono bestseller del New York Times, elogiati da autori come Michael Connelly e Dennis Lehane.

2 commenti:

  1. A essere sincera mi aveva lasciato un pò dubbiosa la trama ma visto che a consigliarlo siete voi è bene che ci faccia un pensierino!
    Tra l'altro ho visto che presto la Newton pubblicherà un'altro libro della Burke LA CITTÀ DEL TERRORE quindi magari è una buona occasione ler conoscerla meglio 👌🏼

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Erika, è una lettura molto piacevole e leggera. Un buon giallo d'evasione. :-)

      Elimina